Nella 24 giornata la Juve allunga sulla Roma, la Fiorentina non ne approfitta e pareggia nel posticipo. Rinviato il derby della lanterna.

Adem Ljajic nell’immagine qui a destra, il contatto appare dubbio.

” 24 giornata: torna al successo la Juve, ennesimo pareggio per la Roma e due rinvii che caratterizzano la giornata”


La ventiquattresima giornata di serie A verra’ ricordata come una giornata caratterizzata dai rinvii e da partite spalmate dal venerdi’ a martedi’. Un turno spezzatino che cosi’ lungo non si era mai visto. La Juventus scesa in campo venerdi’ per avere piu’ tempo per preparare l’ottavo di finale di Champions contro il Borussia Dortmund che si disputera’ domani sera, supera pur non senza difficolta’ l’Atalanta per 2-1. Allegri non ha applicato il  turnover di cui si era parlato alla viglia per preservare i suoi campioni dai prossimi due impegni ovvero sia quello di Champions di cui detto sopra e la sfida all’Olimpico contro la Roma di lunedi’ prossimo. Nonostante un buon avvio sono gli orobici a passare in vantaggio con Migliaccio su azione di calcio d’angolo. Subita la rete, i bianconeri tornano all’assalto del fortino bergamasco e pareggiano i conti con Llorente, che non segnava dal 18 dicembre scorso. A ribaltare la situazione ci pensa Andrea Pirlo con un missile sotto l’incrocio da fuori area, un tiro potente e preciso, una rete da cineteca che mette in risalto le sopraffine capacita’ balistiche del regista bresciano. Nella ripresa la Juve soffre un’Atalanta coraggiosa e mai doma ma riescono a reggere l’urto. Tornano i tre punti in casa Allegri, applausi per la banda di Colantuono. La Roma impatta a Verona, ennesimo pareggio e a questo punto obiettivo dei giallorossi sara’ quello di conservare il secondo posto piuttosto che puntare il primo. La distanza dalla Juventus e’ di nove punti e lo scontro diretto di lunedi’ prossimo potrebbe decretare la fine del discorso scudetto. Al Bentegodi una Roma con De Rossi in panchina, passa in vantaggio con una rete da fuori area di capitan Totti, leader indiscusso dei giallorossi. Ma passano pochi minuti e gli scaligeri su azione di corner trovano il pari con un colpo di testa di Jankovic che beffa De Sanctis.

Jack Bonaventura segna e sogna la nazionale.

Nella ripresa l’Hellas prende coraggio e impensierisce in piu’ di un’occasione la retroguardia giallorossa e ci vuole il miglior Torosidis autore di un doppio salvataggio sulla linea per evitare che la Roma capitoli. Totti viene sostituito negli ultimi venti minuti da Doumbia ma l’attaccante ivoriano ex Cska Mosca appare lontano parente di quello apprezzato in Champions League, sembra ancora non abituarsi al calcio italiano e lontano dagli schemi di Garcia. Ride la Roma biancoceleste, la Lazio supera in rimonta il Palermo 2-1 e piomba a ridosso del terzo posto in classifica. I rosanero passati in vantaggio con il solito Dybala abile a sfruttare un errore difensivo di Mauricio si fanno agguantare dal pareggio di capitan Mauri. Nella ripresa la Lazio spinge il piede sull’accelleratore, creano molte occasioni da rete, il fortino siciliano traballa e il migliore in campo, Candreva, sigla la rete del vantaggio laziale con un’azione personale conclusa con un tiro preciso sotto l’incrocio. Nota curiosa, nell’esultare, il centrocampista laziale corso sotto la curva, è scivolato facendosi male al ginocchio ma senza gravi conseguenze. Nel finale di gara Palermo in dieci per l’espulsione di capitan Barreto.

Mohamed Salah esulta dopo il suo goal contro il Torino. Foto da Firenze Viola.

Pari interno per i viola che fanno 1-1 contro il Torino. Match iniziato con una Fiorentina volenterosa che ha l’opportunita’ di passare in vantaggio con un rigore decretato dal’arbitro Guida, ma Babacar si lascia ipnotizzare da Padelli che neutralizza il penalty. Il Toro prende coraggio e non disdegna le manovre d’attacco. La partita si accende nel finale quando il neo entrato Salah, dopo uno scambio in area con Gilardino, trafigge l’estremo difensore granata e porta i viola in vantaggio. Ma nemmeno il tempo di esultare che il Torino ristabilisce il pari con Vives, termina in parita’ una partita che ha visto scendere in campo due compagini in salute. Tre punti per il Milan di Pippo Inzaghi. I rossoneri tornano al successo seppur non brillando contro il Cesena . Due a zero con i goal di Bonaventura e Pazzini su calcio di rigore. Il Milan raccoglie il massimo palesando comunque i limiti di una squadra che stenta a dimostrare brillantezza e fluidita’ di gioco. Essere soddisfatti per Inzaghi e’ un eufemismo, pero’ questi tre punti sono importanti per smuovere un po’ la classifica e dare una manciata di ottimismo ad un’ ambiente in difficolta’. L’Empoli sembra non volersi fermare piu’, stupisce e strappapplausi. I toscani superano il Chievo in una vera e propria sfida salvezza con il punteggio di 3-0. Nel primo tempo e’ il difensore Rugani con un colpo di testa a portare in vantaggio la squadra di Sarri. Nella ripresa e’ l’inossidabile Maccarone, 35 anni e non sentirli, a realizzare una doppietta che regala tre punti fondamentali all’Empoli. Big Mac con i due goal di ieri giunge a sette retil in stagione, un bottino che rischia di essere rimpinguato da altri goal visto lo stupendo stato di forma degli azzurri sapientemente guidati da Sarri. Parlavamo di rinvii, certo, in questa giornata due match per motivi diversi non sono stati disputati.

Gianfranco Zola

Parma-Udinese e’ stata rinviata a data da destinarsi perche’ a causa del dissesto economico del club ducale, non ci sono nemmeno i soldi per pagare gli steward per garantire il servizio d’ordine allo stadio. Dopo varie consultazioni, vagliando l’ipotesi di disputare la partita a  porte chiuse, si e’ preferito rinviare la partita. Situazione sconfortante non solo per Parma ma per tutto il calcio italiano che assiste ad una situazione inedita, mai capitata prima. Rinviata a martedi’ alle 18,30 invece il tanto atteso derby della Lanterna tra Sampdoria e Genoa. La pioggia caduta dal pomeriggio di sabato ha inzuppato il terreno di gioco rendendolo impraticabile. Pioggia a parte anche qui si pone un problema diverso ovvero sia il Consorzio addetto alla manutenzione del terreno di gioco del Ferraris ha un credito di 2 milioni di euro nei confronti dei due club genovesi. Ed ecco perche’ sul terreno di gioco non c’era l’ombra di un telone che avrebbe salvaguardato il manto erboso e a quel punto permesso di disputare la partita. Stasera si disputano due match: alle 19,00 al San Paolo sara’ di scena il Napoli che se la vedra’ contro il Sassuolo. I partenopei privi di Higuain in attacco, appiedato dal giudice sportivo, presenteranno come unica punta Duvan Zapata e proveranno a vincere per mettere pressione alla Roma in una lotta ferrata per il secondo posto. Non sara’ facile pero’ per la squadra di Benitez perche’ affronteranno il Sassuolo dei ragazzi terribili Zaza-Berardi-Sansone che stanno ben figurando in campionato. In serata alle 21,00 l’Inter di Mancini giochera’ contro il Cagliari. Partita delicata e insidiosa ma i nerazzurri in netta ripresa, proveranno ad allungare la striscia di risultati positivi per ripiombare in zona Europa League, obiettivo principale da qui a fine stagione.

Mostrami di più

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de' Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e' la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close