L’Atalanta presenta Paloschi, nuovo rinforzo di prestigio in casa nerazzurra.

Atalanta Paloschi

Giornata di presentazione, quella di ieri, per il nuovo acquisto dell’Atalanta: Alberto Paloschi.

Presso l’Atalanta Store sito nel centro commerciale “Orio Center” di Orio al Serio,è stato presentato alla stampa il nuovo innesto in casa Dea.

L’attaccante ex Chievo, accompagnato dal direttore generale Umberto Marino e dal d.s. Gabriele Zamagna, ha rilasciato le prime dichiarazioni in maglia nerazzurra. Paloschi nato a Chiari nel 1990, quindi bergamasco doc, ha affermato di essere orgoglioso di vestire la maglia dell’Atalanta, parlando di un sogno che si avvera per un ragazzo nato e cresciuto con il mito del club orobico. Ha aggiunto che vorrà ricalcare le gesta di Filippo Inzaghi, che fece grandi cose nell’Atalanta nella stagione 1996/1997, laureandosi capocannoniere. Paloschi ha affermato che questa è una grande occasione per la sua carriera e che le spiccate motivazioni lo spingeranno a fare molto bene, anche per balzare all’attenzione del nuovo c.t. della nazionale azzurra Giampiero Ventura. Paloschi troverà a Bergamo, un tecnico, quale Gian Piero Gasperini, amante del “3-4-3” e perfezionista per ciò che concerne la fase d’attacco.

Tutti indizi che lo hanno spinto ad accettare questa nuova avventura professionale. Ripercorrendo le tappe della sua carriera, appare abbastanza chiaro che il filo conduttore sia stato sempre il goal: 4 in totale con la maglia del Milan, 16 con il Parma dal 2008 al gennaio 2011. Poi approdò al Genoa e con il “Grifone” mise a segno due centri in dodici presenze, ma il capitolo sotto la “Lanterna” fu fugace, restando lì solo sei mesi. L’occasione per mettersi in mostra è con il Chievo, dove giunse nell’estate del 2011 fino ad andar via lo scorso gennaio. Con la maglia gialloblù dei clivensi ha totalizzato ben 153 presenze realizzando 45 goal. Numeri che lo incoronano come uno dei migliori  attaccanti nella storia del club veneto. A seguire, nel gennaio scorso e per soli sei mesi, è volato in Inghilterra, allo Swansea, presso la corte di Guidolin.

Oltremanica l’esperienza non è stata particolarmente esaltante, tra l’altro caratterizzata da un fastidioso infortunio. Il suo score parla di 10 presenze coronate da soli 2 centri. Questa è oramai storia passata, il futuro di Paloschi è ora a tinte nerazzurre. Una nuova esperienza è alle porte e il numero 43 non ha affatto intenzione di fallire ma vorrà dare il massimo e confermare quanto detto, ossia che per lui l’Atalanta non è semplicemente un punto di passaggio ma un punto d’arrivo per dimostrare a pieno le sue qualità da goleador e diventare l’idolo di una città che non aspetta altro che essere coccolata dalle gesta di un’attaccante dallo spiccato senso del goal e dall’invidiabile cinismo sotto porta.

Tags

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de' Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e' la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close