La Juventus espugna Firenze e vince lo scudetto 2015/16.

Missione compiuta, La Juventus dopo aver espugnato il “Franchi” di Firenze, ha festeggiato la vittoria della Roma che ha battuto il Napoli per 1 a 0.

Alle 17 circa, è esplosa la festa nel quartier generale bianconero e nelle vie del centro di  Torino per la conquista del quinto scudetto consecutivo. La sfida contro la Fiorentina rappresentava l’ultimo banco di prova degno di nota nella stagione della Vecchia Signora. Superato l’ostacolo  viola la strada sarebbe stata in discesa, ed infatti è andata proprio così. Pur soffrendo, la Juventus supera la squadra di Paulo Sousa per 1-2, ringraziando un super Gigi Buffon autore di parate miracolose. La gara inizia con una Fiorentina arrembante e per nulla intimorita dai bianconeri.

Il primo sussulto che scalda il “Franchi” è con Bernardeschi che lanciato in profondità, supera Buffon in uscita ma l’arbitro Tagliavento ferma tutto, ravvisando un’errata posizione di offside. Dopo il pericolo scampato, la Juventus si porta in vantaggio con Mandzukic. Khdedira sforna un assist per la testa di Pogba che all’interno dell’area, appoggia per l’attaccante croato che di prima intenzione non sbaglia e sigla la rete del momentaneo sorpasso bianconero. Il primo tempo si chiude nuovamente tra le polemiche del popolo gigliato per via della trattenuta in area di Rugani su Marcos Alonso. Una scorrettezza che rivedendo le immagini al rallentatore poteva essere punita con un penalty a favore dei viola. Nella ripresa la Fiorentina sembra voglia azzannare la Juventus. Il tecnico lusitano Sousa lancia nella mischia Zarate, con la speranza di scardinare la retroguardia bianconera e all’ 82’ il forcing viola trova sbocco grazie ad un errato disimpegno di Bonucci. Kalinic riceve palla e dal limite dell’area esplode un insidioso tiro a giro sul quale,stavolta, Buffon non può nulla. Trascorre appena un minuto e i bianconeri trovano di nuovo il vantaggio. Corner per la Juventus, la sfera giunge tra i piedi di Mandzukic che appoggia all’indietro per Evra, tiro del francese che viene ribattuto a due passi dalla linea di porta da Badelj, ma a pochi centimetri è ben posizionato il neo entrato Morata che con estremo cinismo insacca in rete. La sfida sembra oramai in cassaforte e gli uomini di Allegri non devono fare altro che gestire i restanti minuti della gara. Sembrerebbe così ma in realtà Cuadrado commette un fallo, piuttosto rivedibile, su Kalinic all’interno dell’area.

Fiorentina Juventus goal Bernardeschi annullato
Il goal regolare annullato a Federico Bernardeschi che avrebbe portato la Fiorentina in vantaggio.

 

Fiorentina Juventus 2016 rigore su Alonso
Il rigore negato alla Fiorentina su Alonso in Fiorentina Juventus del 24 Aprile 2016

Per Tagliavento stavolta non ci sono dubbi e fischia il rigore a favore della viola. Dagli undici metri si presenta l’attaccante croato che però si fa respingere la conclusione da un’insuperabile Buffon che non solo neutralizza il penalty ma evita il tap-in vincente sulla corta ribattuta di Bernardeschi. È questa l’ultima emozione di una gara vibrante ed emozionante. Il capitano bianconero pone la sua ennesima firma in una stagione esaltante e da record non solo per lui ma per l’intera squadra, artefice di una rimonta trionfale. Con la vittoria del “Franchi”, i bianconeri salgono a ventiquattro successi nelle ultime venticinque gare. Settantatre punti conquistati sui settantacinque in palio, numeri ineguagliabili per chiunque altra diretta concorrente. Ai microfoni dei giornalisti, il tecnico Massimiliano Allegri mostra un sorriso raggiante. Lo scudetto è oramai ad un passo. A suo dire, questo tricolore avrà un sapore molto particolare. È la vittoria di un gruppo che aveva iniziato la stagione tra mille difficoltà e risultati negativi. La forza del collettivo è stata quella di fare quadrato,schiarirsi le idee per poi mirare dritti verso un traguardo ambizioso, su cui in pochi avrebbero creduto con convinzione dopo le prime dieci giornate di campionato. Il tecnico livornese oggi pomeriggio ha guidato l’allenamento , senza assistere quindi in diretta tv alla gara tra Roma e Napoli…ma poi ha festeggiato con i suoi giocatori.

Per Allegri era fondamentale vincere a Firenze e d’ora in avanti sarà prerogativa assoluta quella di  non avvertire cali di tensione perché oltre al tricolore, vi è una finale di Coppa Italia da disputare il prossimo 21 maggio. Un match delicato contro il Milan, da non fallire, per vantare un “double” dal sapore di record.

Tags

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de' Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e' la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close