Tutto su Bayern Monaco Vs Real Madrid – semifinale 2018

dichiarazioni della vigilia di Heynckes e Zidane e probabili formazioni

Bayern-Real: sfida titanica per conquistare l’accesso in finale

Stasera è di scena la seconda semifinale della Champions League. A darsi battaglia, all’Allianz Arena, saranno Bayern Monaco e Real Madrid, remake del discusso quarto di finale della passata edizione che vide i blancos prevalere a margine di un match fortemente condizionato dalle decisioni prese dall’arbitro Kassai durante la gara di ritorno disputata al Bernabeu. Il Bayern giunge a quest’appuntamento dopo aver chiuso al secondo posto nel girone B, alle spalle del Paris Saint Germain, ed esseri sbarazzato agli ottavi e ai quarti rispettivamente del Besiktas e del Siviglia.

Il Real, invece, seconda nel girone H, ha eliminato agli ottavi il Paris Saint Germain e ai quarti la Juventus, in una sfida particolarmente discussa,soprattutto nel match di ritorno a causa del penalty decretato dall’arbitro Oliver a favore delle merengues, a seguito di un contatto, al 93’, piuttosto discutibile di Benatia ai danni di Lucas Vazquez. La banda guidata da Zinédine  Zidane proverà a mettere nel mirino la terza finale consecutiva, con l’obiettivo di alzare per altrettante volte al cielo la coppa dalle grandi orecchie, mentre dall’altra parte i bavaresi proveranno a regalare una soddisfazione al tecnico Heynckes, il quale al termine di questa stagione lascerà la panchina del Bayern per far posto a Niko Kovac. Sarà un duello infarcito di campioni e di grandi firme, oltre che il confronto tra i campioni d’Europa e del Mondo in carica contro quelli di Germania, freschi di titolo. Nel frattempo, nella giornata di ieri, i due allenatori, Heynckes e Zidane, hanno presieduto le rispettive conferenze stampa della vigilia.

Questo un estratto delle dichiarazioni rilasciate dall’allenatore del Bayern a poco più di ventiquattro ore dalla sfida contro i “galacticos”: “E’ una semifinale di Champions, sono in corsa formazioni eccellenti, compresi Liverpool e Roma che hanno eliminato due grandi favorite. Rispetto ogni squadra e ogni giocatore, incluso Ronaldo che ha avuto una carriera unica, ma la Champions la vince la squadra più omogenea. E’ poi un occhio è meglio che lo diano loro a Lewandowski, che in questa stagione ha già fatto 39 gol. Lo cambierebbe con Ronaldo? Noi siamo contenti di Lewandowski, ha una quota di gol enorme, ama il football in tutte le sue sfaccettature, si tiene in forma, si comporta bene. La domanda non ha senso. Cosa darebbe per chiudere con un ultimo trofeo? La mia carriera era già finita cinque anni fa, torno volentieri dietro le quinte. Vincere la Champions è stato un privilegio e queste sono le partite per cui vale la pena vivere, e che non molti hanno vissuto. Me la godrò. Sono un uomo sobrio, non ho grandi emozioni, ma domani sera vedrete la mia passione e la mia allegria. Non ci sono favoriti, anche se ho buone sensazioni”.

Queste, invece, le parole della vigilia espresse dall’allenatore del Real Madrid, Zidane: “Credo che stiamo bene mentalmente e fisicamente. Siamo preparati per fare una bella partita. Però è solo la gara d’andata e il Bayern non è solo una grande squadra, ma anche un grande club. Heynckes è un allenatore per il quale ho il massimo rispetto, ha fatto grandi cose qui e a Madrid, è ammirevole, posso solo dire parole buone di quest’uomo. Il Bayern è abituato a stare a questi livelli, è nel loro dna. Ma è normale che sia così ed è normale che domani ci sia un’altra semifinale molto complicata. Perché non critica mai i suoi giocatori? Voglio difenderli fino alla fine perché sono loro che mi danno soddisfazione ogni giorno, sono loro che lottano, battagliano, che corrono. Io mi appoggio totalmente a loro. Teme di chiudere l’anno senza titoli? E’ stata una stagione complicata, abbiamo pagato l’inizio difficile e il Barcellona sta facendo un grande campionato, ma adesso abbiamo la Champions, anche se la semifinale ancora non significa niente”.

Spostando l’attenzione sulle probabili formazioni, Heynckes dovrà fare a meno di Neuer lungodegente oltre che di Vidal e Coman, motivo per cui si affiderà al consueto 4-1-4-1 con Ulreich in porta, Kimmich e Bernat esterni di difesa, mentre centralmente agirà il duo composto da Boateng ed Hummels. Javi Martinez sarà il playmaker basso, con Robben, Muller, James Rodriguez e Ribery ad occupare la trequarti a supporto della punta centrale Lewandowski. Zidane, invece, farà affidamento al 4-3-1-2 con Navas tra i pali, il rientrante Sergio Ramos dal turno di squalifica e Varane a comporre la coppia centrale di difesa. Sugli esterni spazio a Carvajal e Marcelo. Sulla mediana agiranno Kroos, Casemiro e Modric, mentre Isco dovrebbe essere il trequartista pronto a sostenere il tandem d’attacco composto da Cristiano Ronaldo e Benzema. L’arbitro designato per dirigere il match è l’olandese Bjorn Kuipers.

 

Tags
Mostrami di più

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de' Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e' la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close