Carlo Tavecchio, nuova linfa all’Italia del pallone?

[testimonials user=” email=” name=” position=” photo=’http://www.wonderchannel.it/wp-content/uploads/2014/07/Vargas21-Aquave-Metal-Music.ico’]Il Calcio made in Italy va a rotoli.[/testimonials]


 

Carlo Tavecchio, per un Italia che cambia…in peggio!

Carlo Tavecchio ha il giusto profilo per sedere in una poltrona italiana, 71 enne, uno giovane diciamo, processato e condannato cinque volte: condanna a 4 mesi di reclusione nel 1970 per falsità in titolo di credito continuato in concorso, 2 mesi e 28 giorni di reclusione nel 1994 per evasione fiscale e dell’Iva, 3 mesi di reclusione nel 1996 per omissione di versamento di ritenute previdenziali e assicurative, 3 mesi di reclusione nel 1998 per omissione o falsità in denunce obbligatorie, 3 mesi di reclusione nel 1998 per abuso d’ufficio per violazione delle norme anti-inquinamento, più multe complessive per oltre 7.000 euro. (si ringrazia il Fatto Quotidiano per la ricostruzione della pene). Si profila un inciucio per favorire qualche squadra italiana? Speriamo che il presidente della Fifa Blatter si sbrighi con le pratiche per avviare la Moviola in Campo altrimenti ne vedremo delle belle nei rettangoli di gioco della Serie A. La Serie A poi, siamo scivolati al 5 posto nel ranking Uefa, ora superati anche dal Portogallo, non vinciamo una competizione Europea dal 2010 e l’Italia nelle ultime due competizioni mondiali non supera la fase a gironi, e per rifondare il tutto affidiamo una poltrona così importante a un 70 enne con tutti quei precedenti? E’ proprio vero che l’Italia non cambierà mai, ma la colpa e la responsabilità è delle persone che si accontentano della situazione attuale e mandano sempre gli stessi al potere non documentandosi e facendosi persuadere da false promesse mai mantenute…. destra o sinistra…. quale scegliere? potremo associare il bipolarismo politico a una semplice formula matematica: “cambiando l’ordine degli addendi il risultato non cambia”. Ebbene si, non cambia, e nemmeno i nomi, come quel Carlo Tavecchio che siede ora al posto di un altro che avrebbe voluto rifondare il calcio italiano. La stessa Barbara Berlusconi aveva fatto luce sull’età di Tavecchio ma il potente della Federazione l’ha subito stoppata affermando che a scegliere il Presidente sarebbero stati i delegati di un milione e mezzo di interessati e non lei. 

Mostrami di più

Ale Wonder

Salve a tutti, mi chiamo Alessandro Aru e sono il fondatore/CEO di questo web magazine.Mi occupo di digital marketing, web-social & music, seo & music manager. Sono appassionato di cinema, buon cibo, storia, natura, Fiorentina ed arte in generale.Sono critico ma razionale. ;D un saluto...Ale!

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close