Brilla il “San Paolo” sotto i colpi di Gabbiadini ed Hamsik. Il Chievo è affondato.

Napoli Chievo 2 0 Gabbiadini Hamsik
Marek Hamsik con la maglia del Napoli

Nell’anticipo serale, della sesta giornata di campionato di serie A, il Napoli supera per 2-0 il Chievo, grazie alle reti, tutte nel primo tempo, di Gabbiadini ed Hamsik.

Per i partenopei è il nono successo di fila al “San Paolo” e con tale vittoria, gli azzurri restano sulla scia della Juventus, salendo a quota quattordici punti, ad una sola lunghezza dai bianconeri primi in classifica. La banda di Sarri ha dominato prevalentemente nella prima frazione di gioco, in cui sono state varie le occasioni per andare a rete. Nella ripresa, invece, i ritmi sono calati vistosamente, con gli azzurri che hanno dosato le energie in vista del prossimo impegno, mercoledì 28 settembre, al cospetto del Benfica in Champions League, mentre i clivensi hanno tentato, seppur timidamente, di riaprire le sorti del match. Il Chievo non ha disputato la gara così come ci ha abituati nelle ultime uscite. Poco efficace in attacco e messa dura a prova nel pacchetto arretrato, tenere testa alla veemenza dei partenopei non è stato affatto semplice ed il risultato finale rispecchia perfettamente lo sviluppo della sfida nell’arco dei novanta minuti.

Maurizio Sarri si affida al consueto “4-3-3” con Reina in porta, Albiol e Koulibaly a formare la coppia centrale di difesa. Lungo le corsie esterne spazio a Maggio sulla destra e Ghoulam sulla sinistra. A centrocampo fiducia al trio Hamsik, Jorginho, Zielinski, mentre in avanti Insigne e Callejon agiscono ai lati della punta centrale Gabbiadini. Maran risponde con il collaudato “4-3-1-2”: Sorrentino tra i pali, Cesar e Dainelli coppia centrale. Ai lati spazio a Cacciatore e Gobbi. A metà campo presidiano la zona Castro, Radovanovic ed Hetemaj, mentre Birsa opera nel ruolo di trequartista a ridosso del tandem d’attacco Inglese-Meggiorini.

La prima chance del match è di marca partenopea con Zielinski che serve in avanti Hamsik, lo slovacco effettua una conclusione di prima intenzione, ma centrale, che non crea patemi a Sorrentino. A seguire è Ghoulam, sulla sinistra, a scodellare un cross impeccabile per Gabbiadini, il quale ben posizionato a centro area, interviene di testa e in quest’occasione è magistrale la risposta tempestiva dell’estremo difensore gialloblù che devia la sfera aldilà del montante. Qualche minuto più tardi è ancora il Napoli a rendersi pericoloso con Callejon che appoggia in avanti per Zielinski, il quale, dal versante di destra serve un pallone invitante a centro area per Gabbiadini ma è lesto Cacciatore ad intervenire, sventando tale minaccia. Al 24’ minuto gli azzurri si portano meritatamente in vantaggio: Hamsik lancia in profondità Callejon, il quale appoggia all’indietro per Gabbiadini, il numero ventitre partenopeo controlla la sfera e con un tiro a giro sul secondo palo trafigge Sorrentino. Per l’attaccante di Calcinate è la prima rete in questo campionato e può,così, dire addio al digiuno sotto porta. Il Chievo si risveglia dal torpore e si fa vedere dalle parti di Reina con Gobbi che innesca in avanti Meggiorini, il numero sessantanove gialloblù sforna un assist a centro area per Castro, il quale effettua un tiro di prima intenzione che termina abbondantemente alto sopra la traversa. Al 39’ la banda di Sarri raddoppia: Insigne appoggia in profondità per Hamsik, il quale, all’interno dell’area, esplode un bolide potente che si insacca sotto l’incrocio dei pali. Per il numero diciassette azzurro è il centesimo goal ufficiale con la maglia del Napoli, traguardo indimenticabile e prestigioso per il centrocampista slovacco, oramai uomo simbolo della società partenopea. Il primo tempo si chiude con una punizione calciata da Gabbiadini che termina la corsa di poco alta sopra la traversa.

Nella ripresa i ritmi calano vertiginosamente, sono rare le occasioni da goal e nonostante le sostituzioni effettuate dai due tecnici, il risultato non cambierà.  La prima chance, nei secondi quarantacinque minuti, è sui piedi di Callejon che si invola in attacco e dal limite esplode un tiro di sinistro che termina di poco sul fondo. A seguire è il Chievo a rendersi pericoloso con un lancio in profondità per Floro Flores, il quale supera Reina in uscita ma Koulibaly, aiutandosi anche con il fisico, non si lascia eludere e disinnesca questa possibilità per i veneti di accorciare le distanze.  L’ultima occasione della gara è ancora per la banda di Maran con De Guzman che innesca in avanti Inglese, il quale, dall’interno dell’aerea, effettua una conclusione radente sul primo palo, su cui Reina si distende senza problemi. Termina così Napoli-Chievo, con gli azzurri che conquistano tre punti preziosi in ottica classifica che donano autostima e fiducia in vista dei prossimi impegni sia in Champions che in campionato. Ai microfoni dei giornalisti il tecnico Maurizio Sarri ha espresso giudizi positivi nei confronti dei suoi ragazzi. A suo dire il Napoli ha disputato una buona gara al cospetto di un avversario non facile da affrontare. I partenopei si sono resi protagonisti di molte occasioni da rete, soprattutto nel primo tempo,dimostrando carattere e personalità. Per quanto riguarda i nuovi innesti estivi, il loro debutto è stato rinviato in quanto Maksimovic e Diawara sono arrivati il 31 agosto, al termine di un’estate particolarmente tribolata per loro, mentre Rog ,addirittura, è approdato alla sua corte il 10 settembre. Mentre per quanto riguarda Tonelli e Giaccherini, sono entrambi reduci da un infortunio e occorrerà attendere dopo la sosta di ottobre per tornarli a vedere in campo. Mister Maran, invece, non ha quasi nulla da recriminare ai suoi ragazzi. I gialloblù non hanno disdegnato impegno e abnegazione anche se l’impatto, soprattutto, nei primi quarantacinque minuti sia stato alquanto rivedibile. Per ciò che concerne l’occasione capitata, nella ripresa, sui piedi di Floro Flores, il tecnico trentino solleva più di qualche dubbio sull’intervento in recupero di Koulibaly, a suo dire falloso, ma preferisce non cavalcare l’onda della polemica. Per i veneti è la seconda sconfitta in campionato, sempre in trasferta, come è accaduto precedentemente a Firenze, e nella prossima giornata i “mussi volanti” giocheranno ancora lontano dal “Bentegodi”, in quanto faranno visita al Pescara, con l’intenzione di riannodare il filo con i tre punti.

Tags
Mostrami di più

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de' Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e' la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close