Sfida interessante al “Ferraris” tra Genoa e Milan per dare il via alla decima giornata di serie A

10 giornata 2016 17 Genoa Milan

Si alza, stasera, il sipario sulla decima giornata di serie A. Ad aprire i battenti ci sarà l’anticipo tra Genoa e Milan.

Le due compagini si avvicinano a questa sfida con uno stato d’animo differente. Il “grifone” è reduce dall’amara sconfitta rimediata nel derby contro la Sampdoria, per 2-1, debacle che ha risvegliato ardore e spirito battagliero tra gli uomini di Juric. Il Milan si presenterà al “Ferraris” galvanizzato dal successo ottenuto a “San Siro” nel big match con la Juventus, gara risolta da un goal da cineteca del diciottenne Manuel Locatelli. Durante la conferenza stampa della vigilia, il tecnico del “diavolo”, Vincenzo Montella, non effettua voli pindarici con la fantasia.

La vittoria ottenuta contro la Vecchia Signora non deve distrarre i suoi ragazzi che devono proseguire in un percorso fatto di tanta umiltà e lavoro a testa bassa. Secondo l’”aeroplanino”, i giovani vanno stimolati, motivati ed incoraggiati ma bisogna evitare che avvengano pericolosi e bruschi cali di tensione. Per quanto riguarda l’obiettivo stagionale, Montella, sottolinea che sia assolutamente fuori luogo parlare di scudetto. L’allenatore del Milan è strenuamente convinto che la Juventus, nonostante la sconfitta di sabato sera, abbia tutte le carte in regola per confermarsi per la sesta volta consecutiva campione d’Italia, avendo a disposizione una rosa blasonata e di elevato spessore internazionale. I rossoneri ,piuttosto, hanno l’obbligo di tornare in Europa, senza specificare se si tratti della prestigiosa Champions League o la meno nobile Europa League, ma per raggiungere tale scopo occorra che i suoi ragazzi diano sempre il meglio, non accontentandosi mai. Da Pegli, quartier generale rossoblù, il tecnico croato Juric spende parole d’elogio nei confronti dei rivali di stasera. A suo parere, il Milan è una squadra che fa dell’umiltà un punto cardine per raggiungere prestigiosi traguardi.

La vittoria ottenuta contro la Juventus è stato il manifesto principe di un gruppo ben organizzato e guidato sapientemente da un allenatore molto preparato, qual è Vincenzo Montella. Il tecnico del “grifone” si attende una risposta dalla sua squadra che vorrà cancellare l’ultima sconfitta rimediata nella stracittadina ligure,affermando che effettuerà un turnover non esasperato. Per quanto concerne Pavoletti, dichiara che l’attaccante si stia avvicinando sempre più ad una condizione fisica accettabile, ma anche stavolta, partirà dalla panchina, lasciando spazio dal primo minuto al “cholito” Simeone. Su Rincon ha affermato di essere un calciatore esemplare, sempre presente e costante nel rendimento nonostante i tanti viaggi transoceanici che effettua per via della Nazionale venezuelana, ed infine da Ninkovic si attende grandi cose, considerando le qualità che ha a disposizione, anche se bisognerà avere un po’ di pazienza per osservare il meglio da lui.

In ottica probabili formazioni, Juric si affiderà quasi certamente al “3-4-3” con Perin tra i pali, linea di difesa a tre con Orban, Burdisso e Izzo. Laxalt e Rigoni esterni di centrocampo, mentre la mediana sarà presidiata da Rincon e Veloso. In avanti Rigoni e Ocampos agiranno ai lati della punta centrale Simeone.

Montella risponderà con il consueto “4-3-3” ,anche se ci saranno delle novità rispetto al match disputato contro la Juventus. In porta Donnarumma, centrali difensivi Romagnoli e Paletta, esterno di destra Abate, a sinistra spazio a De Sciglio. A centrocampo fiducia a Poli, pronto a sostituire dal primo minuto Kucka, oltre a Locatelli e Bonaventura. In avanti Honda potrebbe prendere il posto di Suso, dal primo minuto, sul fronte di destra avanzato. Completano il reparto Niang a sinistra e Bacca punta centrale.

L’arbitro della gara sarà il signor Banti della sezione di Livorno. Il “Ferraris” sarà di nuovo teatro di un match che si preannuncia entusiasmante e scoppiettante dove si affronteranno due compagini che non vorranno assolutamente lasciare punti per strada.

 

Tags
Mostrami di più

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de' Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e' la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close