Aria da resa dei conti all’Inter: De Boer sulla graticola

statistiche De Boer allenatore Inter
Frank De Boer, allenatore dell’Inter. Credits FC Internazionale

Ore di tensione in casa nerazzurra. L’ultima sconfitta rimediata, contro l’Atalanta, ha aperto ufficialmente la crisi in casa Inter.

Frank De Boer è oramai ad un passo dall’esonero. Nella giornata di ieri, il figlio del socio di maggioranza della Suning, Steve Jindong, è atterrato a Milano per seguire da vicino una situazione alquanto incandescente. Il tecnico olandese non sta convincendo i vertici dirigenziali e gli ultimi risultati ottenuti sono lo specchio di una squadra che sta precipitando verso il baratro. Tre sconfitte consecutive in campionato contro Roma, Cagliari e Atalanta sono  più di un semplice campanello d’allarme. Molto probabilmente è giunto il momento di cambiare qualcosa per quanto riguarda la guida tecnica.

Dulcis in fundo, domani, giungerà in Italia anche il presidente Erick Thohir per incontrarsi con Frank De Boer e fare il punto della situazione al fine di porre rimedio a questa fase molto preoccupante della stagione. All’ex allenatore dell’Ajax è stata confermata la fiducia e domani sera, nella sfida di campionato contro il Torino, sarà lui a sedersi in panchina con tutti gli occhi dei tifosi, della dirigenza e della stampa addosso. Un ennesimo passo falso decreterebbe la fine della sua avventura in Italia alla guida dell’Inter.

Tra i nomi dei possibili successori si cerca un profilo italiano che possa fungere da traghettatore per questa stagione, per poi mirare in alto in estate alla ricerca di un nome altisonante che possa condurre i nerazzurri in una posizione di maggior prestigio. Attualmente in corsa per la panchina dell’Inter vi sono Pioli, Mandorlini, Guidolin e Reja. Allenatori che conoscono perfettamente le difficoltà e le insidie della serie A e sarebbero pronti ad assumere questo incarico dalla spiccata responsabilità. Nel frattempo, nella giornata di ieri, Frank De Boer ha raggiunto il centro sportivo “La Pinetina” di Appiano Gentile, molto presto, per poi andare via alle ore 18 del pomeriggio.

Ha presieduto l’allenamento della squadra ed ha mostrato grande concentrazione in vista di una gara, contro il Torino, che farà, inevitabilmente, da spartiacque per il suo futuro. I numeri della gestione De Boer sono sconcertanti: in campionato i nerazzurri hanno inanellato quattro sconfitte, due pareggi e tre vittorie, ed in Europa League non è che l’andamento sia migliore, visto che i nerazzurri hanno raccolto solamente tre punti, frutto di una vittoria sofferta contro il Southampton e due cadute fragorose con i modesti Hapoel Beer-Sheva e Sparta Praga. L’allenatore interista, sicuramente, starà pagando a caro prezzo un difficile ambientamento in Italia, compromesso anche dalla scarsa fluidità della lingua. Inoltre, non occorre dimenticare che De Boer sia giunto nel nostro Paese solamente il 9 agosto, con il campionato oramai alle porte ed una campagna acquisti non condotta da lui.

La sua idea di gioco stenta a decollare, i nerazzurri appaiono piuttosto confusi e disorganizzati nella manovra. L’attacco punge poco e la difesa è continuamente presa d’assalto. Contro i granata di Mihajlovic non sarà affatto facile rialzare la china e per De Boer si prospetta la fine di un cammino insoddisfacente e molto lacunoso.

 

Tags

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de' Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e' la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close