La vita privata di Emma Watson avvolta nel mistero.

 

vita privata di Emma Watson
Emma Watson nel trailer internazionale di La Bella e La Bestia.

Emma Watson è ”appassionata” della sua privacy.

La stella di “La Bella e La Bestia” è cresciuta sotto i riflettori e ama mantenere la sua vita personale separata dal suo lavoro per poter mantenere un’aria di mistero su se stessa e ”fare bene il suo lavoro”.

Ha detto in una recente intervista:

“È una delle cose con cui lottiamo, Dan [Radcliffe], Rupert [Grint] ed io eravamo dei bambini quando siamo stati lanciati in questa serie di fiabe e quello che è successo a noi è una sorta di storia di fantasia. Al di fuori dei film. Così la storia della mia vita è stata di interesse pubblico e per questo sono stata così appassionata sul fatto di avere un’identità privata.”

“Quando entro in un personaggio, le persone devono essere in grado di sospendere la loro incredulità; devono essere in grado di separarmi da quella ragazza. E non conoscere tutti i dettagli intimi della mia vita. Sto cercando di proteggere la mia vita privata per far bene il mio lavoro. In generale, sono stata fortunata, anche quando Sofia Coppola mi ha offerto un ruolo in The Bling Ring, che era così meravigliosamente diverso. Gli artisti mi hanno dato molta libertà e sono stati in grado di immaginarmi in altri modi, ma è qualcosa di cui sono consapevole, certamente.”

L’attrice di 27 anni capisce che è sotto “un certo livello di controllo” e ammette che la cosa può essere “travolgente” a volte.

Parlando con Jessica Chastain per la rivista Interview dice:

”So che sono sotto un microscopio, un certo livello di esame, che a volte mi sembra davvero difficile. E a volte la paura di fare determinate cose è travolgente. Mi sento incredibilmente sopraffatta, e talvolta mi sento avvolta, per paura di questo. Ma so che se vivo in quella paura, la mia vita come artista, o come essere umano, è veramente finita. In definitiva, silenzierà ciò che è in me, quello che devo ancora esplorare e scoprire. La gente non poteva crederci quando, dopo Harry Potter, dovevo ancora andare a scuola”.

“Essenzialmente, ho trascorso cinque anni a studiare, facendo solo alcuni progetti più piccoli. Ho ricevuto molte telefonate di persone nervose perché rifiutavo diverse opportunità. Ma avevo bisogno dello spazio per andare ad esplorare chi ero, senza essere sotto il microscopio… come si dice, e sono stata felice di commettere degli errori.”

Tags

Wonder Channel Redazione

Siamo la redazione del magazine Wonder Channel, stacanovisti per passione. Siamo gli editori del magazine.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close