La regola del gioco, la recensione del film sulla corruzione


TITOLO: La regola del gioco

TITOLO ORIGINALE: Kill the Messenger

REGIA: Michael Cuesta

CAST: Jeremy Renner, Rosemarie DeWitt, Ray Liotta, Barry Pepper, Mary Elizabeth Winstead, Tim Blake Nelson, Paz Vega, Oliver Platt

PAESE: USA

ANNO: 2014

GENERE: thriller, drammatico, biografico

DURATA: 112 minuti

 


TRAMA: Gary Webb (Jeremy Renner) è un comune giornalista che ama il proprio lavoro. I suoi articoli sono molto buoni ma nulla di particolarmente avvincente. Un giorno, ad avvicinarsi a lui, è un’avvenente donna sposata con un boss del narcotraffico. L’ultima cosa a cui pensa Gary è di essere vicino ad un caso scottante ma, in realtà, da quell’incontro scopre una verità più scomoda che mai: la CIA ha consentito e agevolato lo spaccio negli Stati Uniti per finanziare i ribelli Contras. Il determinato giornalista decide di andare a fondo alla questione e svolge più ricerche per rendere maggiormente completa la sua opera.
Viene così pubblicato “Dark Alliance”, un articolo che svela tutti i retroscena scomodi del governo americano.
Inizialmente la sua notizia viene elogiata enormemente: tutti i giornali parlano di Gary e di come sia stato possibile farsi sfuggire un caso importante come quello della corruzione del sistema.
Con il passare del tempo, però, le sue indagini cominciano ad infastidire i piani alti. Nonostante i molteplici avvertimenti da parte dei boss della droga e degli agenti della CIA, Gary continua a svolgere il suo lavoro ponendosi come obiettivo quello di portare a galla la verità su un sistema corrotto e moralmente indifendibile.
Contro Webb parte una campagna diffamatoria che colpirà anche la sua famiglia e ciò lo porterà molto vicino al suicidio.

“Perché credevo che il mio lavoro fosse raccontare la verità. I fatti, brutti o belli, e lasciare che la pubblicazione di quei fatti cambiasse il modo in cui chi legge vede le cose, se stesso e ciò in cui crede. Ma mi sbagliavo.”

La regola del gioco recensione – Gary Webb mentre ritira il premio giornalista dell’anno… ma gli altri l’avrebbero veramente voluto consegnare?

 

COMMENTO: La regola del gioco, traduzione italiana orrenda se si pensa al titolo originale Kill the Messenger, è un film del 2014 basato sugli omonimi libri di Nick Schou e Dark Alliance di Gary Webb. Proprio così, Gary Webb. La pellicola, difatti, tratta da una storia vera, narra l’avventura giornalistica di colui che, negli Stati Uniti, ha avuto il coraggio di scoperchiare il vaso di Pandora.
La biografia dello scrittore viene riportata abbastanza fedelmente ne La regola del gioco, eccetto il finale che, per fortuna, non è stato mostrato ma lasciato intendere.
Nella realtà il giornalista è stato ritrovato morto nel 2004, dopo non essere più riuscito a trovare impieghi in grandi giornali e a seguito di una depressione portata anche dall’abbandono da parte della sua famiglia.
Le indagini hanno ipotizzato suicidio ma pare improbabile dato che il cadavere mostrava due colpi alla testa: cosa praticamente impossibile per un suicida.

“I cattivi, spesso, sono più onesti dei buoni.”

Tornando al film, il riscontro con il pubblico non è stato quello che ci si aspettava, anzi, la pellicola non ha incassato neanche la somma necessaria a coprire il budget di spesa. Colpa, forse, delle troppe forzature o di alcune banalità che hanno sviato l’interesse dall’indagine del protagonista che, invece, vede una splendida interpretazione da parte di Jeremy Renner. La parte thriller del racconto funziona, creando ansia e suspense, per il resto si poteva fare di meglio.
Detto questo, il discorso sulla corruzione del sistema è sempre attuale e di gran interesse da parte del pubblico che ha voglia di sapere e scoprire la verità, soprattutto se questa non è delle più pulite e limpide.

La regola del gioco può aprirvi gli occhi e farvi mettere in dubbio ogni cosa.

“E’ tutto menzogna e corruzione, Gary. Prima sei attratto dal potere, poi diventi dipendente dal potere e, alla fine, vieni divorato dal potere.”

[review] La regola del gioco recensione – immagine del giornalista Gary Webb

Il Verdetto

Voto Globale - 7

7

Voto

La regola del gioco può aprirvi gli occhi e farvi mettere in dubbio ogni cosa.

User Rating: Be the first one !
Tags
Mostrami di più

Serena Grosso

Ciao a tutti, sono Serena Grosso (25.02.1993) e scrivo da Torino. Mi occupo della sezione cinema e serie televisive dal momento che vivere come in un film é la mia filosofia di vita.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close