Leonardo Pavoletti, caratteristiche e dettagli trasferimento al Napoli di Sarri.

Leonardo Pavoletti caratteristiche e dettagli trasferimento al Napoli
Leonardo Pavoletti con il suo ex compagno di squadra Perin in nazionale.

Era nell’aria già da un po’, ma adesso vi è la comunicazione ufficiale. Leonardo Pavoletti è un nuovo calciatore del Napoli.

L’oramai ex attaccante del Genoa ha firmato un accordo con il club di Aurelio De Laurentiis fino al 30 giugno 2021. La punta percepirà 1,4 milioni di euro a stagione più bonus, cifra che tenderà a salire sino a giungere a 1,8 milioni, mentre il Genoa incasserà da questa operazione in uscita, circa 18 milioni di euro. Nella mattinata di ieri erano in programma le consuete visite mediche presso il centro medico di Villa Stuart a Roma ed invece, Pavoletti e il suo entourage, hanno dovuto limare ed approfondire alcuni aspetti del contratto, soprattutto quelli inerenti ai diritti di immagine, caratteristica gestita principalmente dalla società sportiva partenopea, a differenza di ciò che accade negli altri club. Pavoletti, a sua volta, è giunto a Villa Stuart intorno alle 17:30 per poi sottoporsi a dei controlli al ginocchio, alla presenza del medico sociale degli azzurri, il dottor De Nicola.

Quest’ultimo ha affermato che l’infortunio occorso a Pavoletti non è ancora stato superato, occorrerà del tempo prima di tornarlo a vedere in campo, anche se il decorso riabilitativo procede regolarmente. Quest’oggi verranno effettuati altri test sul ginocchio infortunato durante il match di campionato tra Lazio e Genoa del 20 novembre scorso, per poi passare agli esami cardiologici. Solo al termine di ciò, l’attaccante livornese partirà per la volta di Castel Volturno dove potrà mettersi a completa disposizione di mister Sarri ed avrà modo di  conoscere i suoi nuovi compagni di squadra. Pavoletti indosserà la maglia numero nove e il suo arrivo è attesissimo in città. Per quanto riguarda lo scacchiere tattico, l’ingaggio dell’ex centravanti del grifone rappresenterà un’ importante freccia nell’arco del tecnico toscano. Il Napoli, fino ad ora, ha dovuto fare a meno di Milik, infortunatosi nello scorso mese di ottobre, facendo leva su un tridente piuttosto inedito con Mertens nelle vesti di falso “nueve”. Nonostante ciò, i risultati non sono stati affatto insoddisfacenti, in quanto, numeri alla mano, la squadra partenopea annovera il miglior attacco, in campionato, con quaranta goal realizzati, ed anche Mertens, con undici reti all’attivo, ha dimostrato uno spirito realizzativo degno dei miglior centravanti di ruolo. I partenopei, nella seconda parte di stagione, tenteranno di imprimere lo sprint decisivo in campionato, mettendo fiato sul collo alla Roma, attualmente seconda in classifica, per poi concentrarsi sulla suggestiva sfida di Champions League contro il Real Madrid, in un ottavo di finale da brividi, con il capoluogo campano già in fermento per un match che metterà di fronte i propri beniamini a Cristiano Ronaldo e Bale, a tal punto, che a meno di tre mesi di distanza, si prevede un San Paolo completamente esaurito. Il compito di Pavoletti sarà quello di regalare delle gioie immense ai supporters azzurri, parlando in campo con la lingua del goal, un’arte che lo contraddistingue.

Forte fisicamente, possente nel gioco aereo, famelico sotto porta, “Pavo-goal” incarna alla perfezione le sembianze del classico ariete d’area che si nutre di reti. Con il contestuale rientro di Milik, la batteria d’attaccanti a disposizione di Sarri sarà nutrita e di assoluto valore, di certo non inferiore rispetto ai reparti avanzati che annoverano le proprie dirette concorrenti. Per il tipo di gioco che effettua Sarri, con continue sovrapposizioni lungo le fasce e con l’inestimabile lavoro svolto dagli esterni d’attacco, una punta centrale di riferimento, come lo è l’attaccante livornese, rappresenterà la cosiddetta ciliegina sulla torta. In uscita, invece, è oramai scontato l’addio di Gabbiadini. L’attaccante di Calcinate ha prima pagato a caro prezzo la presenza ingombrante di Higuain, per poi deludere profondamente nel momento in cui è stato chiamato in causa. Dopo l’infortunio di Milik, probabilmente non ha retto a sufficienza le pressioni create attorno a lui, sfoderando prestazioni ben al di sotto delle aspettative. Il suo futuro, a quanto pare, sarà all’estero, con squadre di non primissimo piano della Premier League e Bundesliga interessate a lui.

Il Napoli ripartirà da Pavoletti, un corazziere d’area, alto 1,88 cm e che in quattro stagioni e mezzo di serie A ha messo segno ventiquattro goal sommando le esperienze con la maglia del Sassuolo e del Genoa. Sarri non attende che il suo arrivo per migliorare e potenziare un reparto d’attacco da far invidia.

Tags

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de' Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e' la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close