Antonio Banderas sta bene. Giovedì era stato ricoverato per dei dolori al petto.

 Antonio Banderas condizioni dopo attacco di cuore gennaio 2017
Antonio Banderas con la Gallina Rosita

Antonio Banderas ha fatto sapere ai suoi fan che è in “buona salute”, dopo il recente allarme ospedaliero.

L’attore di “Il gatto con gli stivali” è stato ricoverato in un ospedale di Surrey, mentre era nel Regno Unito all’inizio di questo mese, quando ha sofferto di dolori al petto durante l’attività fisica, con il centro medico che ha affermato che è stato successivamente dimesso dopo essere stato controllato dai medici.

Ora, il portavoce di Antonio ha rilasciato una dichiarazione per rassicurare i fan dell’attore di 56 anni, che è in via di guarigione dopo quell’esperienza spaventosa.

“Possiamo confermare che giovedi scorso Antonio è stato ricoverato in ospedale dopo aver sperimentato un forte dolore al petto durante l’attività fisica”, ha detto il suo rappresentante oggi, Lunedi (30 gennaio 2017). Ha continuato:

“Tuttavia, Antonio è stato dimesso lo stesso giorno dopo che i medici hanno eseguito un check-up che ha confermato la sua buona salute.”

Il rappresentante dell’attore ha inoltre chiarito che questo non si trattava di un grosso “grande allarme sanitario”, con lo stesso attore che ha voluto scrivere qualcosa sul suo account Instagram.

Disfrutando de la naturaleza tras un pequeño susto. Enjoying nature after a startle. Besos.

Una foto pubblicata da Antonio Banderas (@antoniobanderasoficial) in data:

[gap height=”11″]

In posa con la sua fidanzata Nicole Kimpel, ha scritto: “Godiamoci la natura dopo lo spavento, baci.”

Antonio sarà al cinema col thriller “Security” insieme all’attore Sir Ben Kingsley, ed avrà un ruolo da protagonista in un film biografico sullo stilista Gianni Versace.

Tutto il meglio per un sano e felice 2017, Antonio. Noi italiani ti vogliamo sempre vedere mentre cucini biscotti e brioche.

Tags

Wonder Channel Redazione

Siamo la redazione del magazine Wonder Channel, stacanovisti per passione. Siamo gli editori del magazine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close