Arriva Tidal, e Spotify trema. Ecco perché.

Arriva Tidal, e Spotify trema

Il 30 marzo sarà presentata con una conferenza stampa la nuova piattaforma che offre un servizio musicale in streaming e conosciuta da tutti come Tidal. Il proprietario di questa piattaforma è il produttore e marito di Beyocé “Jaz Z”, che di recente ha rilevato per 56 milioni di dollari la società Svedese Aspiro e quindi anche i due servizi in streaming gestiti da questa (Tidal e Wimp).

Spotify inizia a tremare perché sicuramente perderà molti clienti altisonanti che in questi giorni stanno facendo una grossa pubblicità al nuovo servizio in streaming. Beyoncé, Nicki Minaj, Madonna, Kanye West, Rihanna, i Coldplay e indovinate chi c’è anche tra questi, la donna che ha dichiarato guerra a Spotify mesi fa, stiamo parlando di Taylor Swift. Leggete questo articolo così vi tornerà in mente la situazione.

La ex di Harry Styles non vedeva l’ora di appoggiare Jay Z in questa battaglia contro Spotify. Ecco cosa stanno pubblicando gli artisti in questi giorni, un post in formato video con annesso l’hashtag #TIDALforALL

ma converrà anche ai consumatori questa piattaforma?

Sappiamo con certezza le tipologie di abbonamento:

la prima costa 19,99 dollari al mese per l’audio ad alta qualità;

la seconda tipologia invece vi costerà 9,99 dollari al mese per avere un audio di qualità standard;

Oltre ai contenuti musicali ci saranno anche degli spazi editoriali, forse sarà un misto tra iTunes e Spotify. E’ certa anche la compatibilità con i dispositivi mobile Android e iOS, non si sa ancora nulla per quanto riguarda Windows Phone ma  sicuramente verrà supportato anche il browser Microsoft.

Il proprietario di Roc Nation sta facendo le cose in grande e Spotify deve avere veramente paura perché gli artisti che appoggeranno Jay Z molto probabilmente leveranno i pezzi da Spotify. Sarà la fine per Spotify? Ne sapremo di più verso l’estate.

Tags
Mostrami di più

Wonder Channel Redazione

Siamo la redazione del magazine Wonder Channel, stacanovisti per passione. Siamo gli editori del magazine.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close