Per Marco Borriello sarà Cagliari la sua prossima destinazione.

Marco Borriello al Cagliari
Marco Borriello con la maglia della nazionale italiana

Marco Borriello ha deciso quale sarà la sua prossima meta. L’attaccante campano, classe 1982, ripartirà da Cagliari per compiere la sua nuova avventura professionale.

Dopo una prima parte d’estate, in cui si è reso protagonista di video esilaranti con i suoi amici in vacanza ad Ibiza, con Gianluca Vacchi in grande spolvero, foto su instagram che lo ritraevano con la sua vecchia fiamma, e chissà che non si tratti di un ritorno, la show-girl Belen Rodriguez, e le corse in compagnia dei suoi followers nel tentativo di rimanere in forma, ecco che il personaggio più discusso dell’estate 2016 ha deciso di vestire la maglia del Cagliari, club neo promosso in serie A.

Nei giorni scorsi è avvenuta la fumata bianca tra l’agente del calciatore e il presidente della società rossoblù, Giulini, a tal punto che le visite mediche, a cui Borriello dovrà sottoporsi, sono state prenotate per martedì 2 agosto. Per mister Rastelli si tratta di un rinforzo di qualità ed esperienza nel reparto avanzato, essendo  un attaccante che conosce molto bene la serie A e le proprie dinamiche e di sicuro fornirà un notevole contributo per permettere alla squadra sarda di raggiungere, quanto prima, il traguardo della salvezza. Marco Borriello appare in forma e totalmente pronto ad aggregarsi con i suoi nuovi compagni.

La sensazione, che maggiormente desta, non è quella di aver scelto Cagliari come meta tranquilla e rilassante immersa nel mare blu della Sardegna, al fine di  svernare, piuttosto per dimostrare a tutti le sue qualità e le sue doti di predatore d’area di rigore, con una voglia famelica di ben apparire, per ribadire il concetto, che in primis, si tratti di un calciatore affermato e non, solamente, di un semplice personaggio pubblico che suscita molto interesse dal punto di vista del gossip.

Riavvolgendo il nastro della sua lunga carriera, Borriello muove i primi passi da professionista nel 2001 con la maglia della Triestina, per poi trasferirsi, nell’anno successivo in Veneto e più precisamente al Treviso, in cui, in serie C1 , sigla 10 reti in 29 presenze. Dopo un lungo girovagare, ottenendo alterne fortune, la stagione della sua definitiva consacrazione si ha nel 2007/2008 al Genoa, anno in cui sigla 19 goal in 35 presenze, diventando un idolo della gradinata nord. Al termine di quel campionato, si trasferisce al Milan, dove disputa due stagioni. La migliore e più prolifica sarà nel 2009/2010, quando va a segno in 15 occasioni tra campionato e coppe europee. Nel 2010 passa alla Roma e sotto l’ombra del Colosseo, vive una prima stagione dai connotati positivi, siglando 17 reti complessive.

Nel gennaio 2012, vola in prestito alla Juventus e sotto la corte di Antonio Conte, si mette in mostra, siglando due goal dall’elevato peso specifico: uno contro il Cesena, regalando tre punti preziosi alla Vecchia Signora, impegnata nella corsa scudetto e l’altro, nel match contro il Cagliari al neutro di Trieste, consegnando il tricolore ai bianconeri. Al termine di quell’annata,la Juventus non lo riscatta e Borriello torna nuovamente al Genoa.

Con la maglia del grifone rivive i fasti di cinque anni prima, totalizzando 12 goal in 28 presenze. Sarà quella, l’ultima stagione degna di nota per Marco Borriello, in quanto da lì in avanti inanellerà una serie di esperienze alquanto in chiaro scuro tra Roma,West Ham, di nuovo Genoa, Carpi e Atalanta. Nell’ultima stagione, ossia 2015/2016, ha indossato le maglie di queste due squadre citate per ultime, non convincendo a pieno, a tal punto, da ritrovarsi svincolato in questa prima parte d’estate. Adesso è giunta la chiamata del Cagliari, nonostante nelle scorse settimane si fosse parlato di un interessamento di parte di altri club della massima serie come il Bologna, il Palermo e il Pescara. Borriello torna in rossoblù, ma stavolta diverso da quello del Genoa.

In Sardegna spera di trovare la concentrazione necessaria, la continuità di rendimento e l’opportunità di mettersi in mostra, impegnandosi alacremente negli allenamenti e fornendo ottime prestazioni in campo, a tal punto da ottenere la piena fiducia da parte del suo nuovo tecnico, Massimo Rastelli.

Tags

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de' Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e' la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close