La recensione di Hypnotic, il thriller sull’ipnoterapia di Netflix

Jason O'Mara in Hypnotic

“Hypnotic” è un thriller sul pericoloso potere dell’ipnoterapia, ma è abbastanza potente da rimanere nel cervello anche una settimana dopo averlo visto?

Te lo dirò nella mia recensione. Leggila tutta. Vedi il commento finale e lascia anche un parere attraverso i commenti.

Questo film Netflix è potente e scadente allo stesso tempo.

La sua premessa non è male, grazie soprattutto a un’esibizione da leccarsi i baffi di Jason O’Mara. Sa esattamente come interpretare il suo ruolo. Per la maggior parte del film però, “Hypnotic” è ridicolo.

Da non confondere con l’omonimo film di Ben Affleck/Robert Rodriguez attualmente in produzione, “Hypnotic” vede come protagonista l’attrice horror di lunga data Kate Siegel (“The Haunting of Hill House”, “Midnight Mass“) nei panni di una donna di nome Jenn. È un ingegnere informatico disoccupata che ha recentemente rotto con il suo fidanzato di lunga data (Jaime M. Callica) e si sente bloccata.

Sappiamo che è triste perché ha perso suo figlio e non riesce a trovare un lavoro.

A una festa di inaugurazione della casa della sua migliore amica, Gina (Lucie Guest), Jenn incontra il terapista di Gina, il dottor Collin Meade (O’Mara). La nostra prima bandiera rossa su di lui dovrebbe essere il fatto che socializza così liberamente con i suoi pazienti (la seconda è la sua propensione ad abbinare i dolcevita con i blazer). Ma appare come un uomo intrigante con i suoi occhi azzurri e la sua voce calma e risonante – O’Mara ha interpretato Batman in diversi film DC Comics – e Jenn decide di fargli visita per una sessione terapeutica e lavorare sui suoi problemi. L’arredamento dell’ufficio nero e argento e l’inquadratura diottrica divisa sono i primi indicatori che le intenzioni del dottor Meade potrebbero non essere del tutto onorevoli. Ci dicono anche che i registi Matt Angel e Suzanne Coote hanno visto molti film di Brian De Palma.

Tuttavia, un’ora sotto ipnosi vola via in un attimo, e quando Jenn si sveglia, si sente immediatamente a disagio. “Penso che potresti essere più aperta alla suggestionabilità di quanto immaginassi”, fa le fusa il dottor Meade con un luccichio negli occhi. Ma quando improvvisamente non riesce a spiegarsi cosa sia accaduto in quel lasso di tempo e perché succedono cose brutte alle persone intorno a lei, Jenn inizia a investigare sul suo medico. Nelle vesti di detective dilettante, cerca in modo ridicolo su Google la frase “crimini di ipnosi” e poi stampa i risultati per mostrarli alla sua amica Gina.

Nel frattempo, il dottor Meade ha un talento per l’ubiquità, presentandosi ovunque Jenn si trovi, illuminandola con risposte fluide a ogni sua preoccupazione, confondendo ulteriormente la sua mente. Nel film c’è anche Dule Hill, qui nei panni del detective della polizia di Portland che ha indagato sui pazienti di Meade – e sulla prematura morte di molti di loro – per anni. Risulta altresì conveniente (e improbabile) che non abbia un caricabatterie per cellulari in macchina, rendendolo irraggiungibile in un momento chiave del film.

Quello che sta succedendo in Hypnotic è semplice e folle allo stesso tempo. Vorresti che gli ideatori avessero esplorato maggiormente questa follia per ampliare il divertimento sullo schermo. Fino al climax frenetico, la performance di Siegel consiste principalmente nel reagire a ciò che le viene fatto. Non c’è molto nel suo personaggio oltre al suo aspetto, che è cruciale per l’attrazione del dottor Meade per lei. E a un certo punto, quando sa che lui la sta cercando e la sua vita è in pericolo, torna semplicemente nel suo appartamento e si rannicchia sul divano…

assurdo.

La Recensione

Hypnotic Film Netflix

3 Voto

Hypnotic è un film ridicolo e poco divertente. I registi Matt Angel e Suzanne Coote si ispirano a De Palma e Hitchcock in qualche scena ma la trama, i dialoghi, i personaggi, la colonna sonora e la fotografia non funzionano. È difficile fare il tifo per una protagonista che cammina a capofitto nella tana del cattivo, ignora tutti i segnali di avvertimento e le consegna le chiavi della sua zucca. Per essere un film sul potere del subconscio, Hypnotic è sicuramente una testa vuota. Cercare un significato più profondo della mera esecuzione della trama diventa complesso. Non male la performance di Jason O'Mara ma è troppo poco per salvare il film.

PRO

  • Jason O'Mara se la cava bene

CONTRO

  • Tutto il resto non funziona

Recensione

  • Voto 3
Exit mobile version