La recensione di “Missing”, un thriller del genere screenlife con la brava Storm Reid

Storm Reid Missing foto

Missing è una sorta di sequel indiretto di Searching, un film che avevo molto apprezzato quando era stato rilasciato nel 2018. Avevo apprezzato anche perché nel 2018 non c’erano così tanti film di quel genere.

Ma parliamo di Missing…

Quando la madre scompare, una ragazza della Generazione Z intraprende una ricerca tesa attraverso gli schermi dei dispositivi digitali.

June (Storm Reid) si mette sulle tracce della madre, scomparsa durante una vacanza con il suo compagno.

Il film horror del 2014 Unfriended, uno dei primi esempi della categoria “screenlife”, in cui tutto si svolge su schermi di computer, è formalmente elegante: semplice, economico ed efficace. Principalmente, si assiste a una videochiamata di gruppo, con visite occasionali in altri luoghi come Facebook o forum loschi, dove i link sembrano poter portare ovunque. E quella videochiamata, si scopre, è infestata e pian piano farà fuori i partecipanti. Questa è la trama; questo è il formato. Lo screenlife ha legami non solo con i film “found-footage” (anch’essi formalmente eleganti: The Blair Witch Project), ma anche con i romanzi epistolari. In tutte queste forme, la narrazione tradizionale di una storia viene sostituita dalla possibilità per lo spettatore/lettore di esaminare le prove che la storia sia accaduta realmente.

Uno dei produttori di Unfriended è Timur Bekmambetov, che ha prodotto anche il sequel Unfriended: Dark Web e il thriller screenlife del 2018, Searching, di cui ti parlato all’inizio. Searching è diretto da Aneesh Chaganty e vede John Cho nei panni di un padre che si addentra nella vita digitale della figlia adolescente per cercare di risolvere il mistero della sua scomparsa. Ora, Bekmambetov è produttore di Missing, un progetto più appariscente e – sì – meno formalmente elegante scritto e diretto da Nick Johnson e Will Merrick, che hanno lavorato come montatori anche in Searching.

Missing segue Storm Reid nei panni di June, una giovane brillante e irrequieta la cui madre, Grace (Nia Long), scompare durante una vacanza in Colombia con il suo compagno, Kevin (Ken Leung). In un’inversione rispetto all’ansiosa rappresentazione di Searching di un padre che si sente impotente e alla deriva nelle complessità della vita iperconnessa della figlia, Missing rende June una ragazza super digitale che sa come aggirare gli adulti che riutilizzano le loro password, non proteggono i loro dispositivi e sono così vulnerabili a ogni tipo di intrusione online. Questo è il suo ambiente; si sente a casa qui sui suoi schermi.

Storm Reid in Missing.

È un bene che June si senta a proprio agio con la tecnologia, perché 10 anni dopo Unfriended, la vita online è diventata molto più complicata di quella videochiamata infestata. Può attivare tutto con la voce, può chattare con persone di tutto il mondo che non sono davanti ai loro computer, vive in un mondo pieno di telecamere online e i sistemi di sicurezza domestici sono in forte aumento. La sua vita sui social media non riguarda solo una pagina Facebook. Non è nemmeno come il personaggio di John Cho, David, in Searching, che esplora lentamente una piattaforma alla volta, estraendo faticosamente singole informazioni. June salta da una finestra all’altra come un’equilibrista; seguire la sua indagine “screenlife” sulla scomparsa della madre è vertiginoso. È convinta che le informazioni di cui ha bisogno possano essere trovate da qualche parte, sul suo laptop. Il montaggio è stato accelerato e reso più complesso da transizioni visive e, purtroppo, gran parte della semplicità è andata perduta.

Gran parte di Missing, tuttavia, in particolare nella fase finale della storia, è più un film found-footage che screenlife. Non si basa su messaggi, chat o forum ma ti mostra una scena normale, dalla prospettiva di una telecamera che esiste all’interno della storia.

Missing non è un brutto film; è un buon film. È intelligente e Reid è fantastica. Gli elementi thriller sono avvincenti, i colpi di scena sorprendenti e alcuni dei momenti in cui June inganna chi cerca di tagliarla fuori dalle informazioni di cui ha bisogno sono molto gratificanti. Allo stesso tempo, dà la sensazione, un po’ deludente, di essere una regressione verso la media, dove la ripetizione di questo formato (con aspettative sempre maggiori al botteghino) lo rende meno interessante.

L’esplorazione attiva e inventiva di June delle informazioni online è anche, forse, parte dell’evoluzione di un concetto che passa dal mondo dell’horror a quello del thriller, con il cambio di intensità che ciò implica. Forse se un thriller riguarda ciò che spaventa, un film horror riguarda ciò che spaventa di più: è una semplificazione e sicuramente non la definizione del genere, ma coglie qualcosa della differenza tra l’adrenalina dei thriller e il colpo viscerale dell’horror.

Ciò che spaventa molti di noi non è il pericolo in sé, ma il crescente senso di impotenza e disperazione che l’horror sa rappresentare così bene. Ciò che June ha a sua disposizione è una moltitudine di strumenti, nuove vie da esplorare. Missing è uno studio sui modi in cui internet offre soluzioni per risolvere un problema; è una storia sull’adattare questi strumenti alla propria volontà.

Ma è difficile non chiedersi come sarebbe un thriller che avesse più fiducia in questo formato, che non si sentisse così vincolato ai film found-footage. Missing senza il beneficio di così tante telecamere accessibili per June sarebbe un’avventura tutta sua.

In conclusione, Missing è un film che, pur presentando elementi interessanti e un’ottima interpretazione di Storm Reid, perde un po’ della semplicità ed eleganza dei suoi predecessori nel genere screenlife. Tuttavia, rimane comunque un’opera degna di nota che riesce a tenere lo spettatore incollato allo schermo fino all’ultimo, esplorando il rapporto sempre più complesso tra la vita online e offline.

E tu hai visto Missing? Ti è piaciuto? Dì la tua nei commenti qui sotto.

La Recensione

Missing

7 Voto

"Missing" è un thriller intrigante con un'ottima interpretazione di Storm Reid, che esplora il rapporto tra vita online e offline. Sebbene perda un po' della semplicità ed eleganza dei predecessori nel genere screenlife, il film riesce comunque a tenere lo spettatore incollato allo schermo fino alla fine.

PRO

  • Interpretazione eccellente di Storm Reid
  • Trama avvincente

CONTRO

  • Perde un po' di eleganza rispetto ai predecessori nel genere screenlife

Recensione

  • Voto 7
Exit mobile version