CommediaRecensioni Film

The Boss, la recensione del film con Melissa McCarthy.

[vc_row][vc_column][vc_tta_tabs style=”modern” color=”white” active_section=”1″][vc_tta_section title=”Info Film” tab_id=”1444326896496-6a052a92-53e7″][vc_column_text]

The Boss film RecensioneTitolo: The Boss

Regista: Ben Falcone

Cast: Melissa McCarthy, Peter Dinklage, Kristen Bell, Kathy Bates, Kristen Schaal, Cecily Strong, Margo Martindale, Tyler Labine, Parker Young, Ella Anderson, Annie Mumolo.

Anno: 2016

Genere: Commedia

Durata: 99 minuti

Paese: USA[/vc_column_text][/vc_tta_section][vc_tta_section title=”Trailer” tab_id=”1444326896310-d1490c37-8336″][vc_video link=”https://www.youtube.com/watch?v=RycdncILqlI”][/vc_tta_section][/vc_tta_tabs][/vc_column][/vc_row]

[review]

Recensione dettagliata per The Boss:

Melissa McCarthy porta un altro dei suoi improvvisati alter-ego sul grande schermo con questa commedia energica intitolata The Boss. La ritroviamo al lavoro con il regista e marito Ben Falcone, con il quale ha fatto il film “poco divertente” Tammy. Molto strana la scelta di usare come regista il marito. In passato ha lavorato bene con Paul Feig che l’ha diretta nei film dall’ottimo incasso Spy e Corpi da Reato, per non parlare della nomination agli Oscar per Le amiche della sposa. Sì, c’è un’abissale differenza tra questi lavori con Paul Feig e The Boss, che non ingrana dall’inizio alla fine.

Questa volta lei interpreta il popolare guru finanziario Michelle Darnell, la cui notorietà termina bruscamente quando viene mandata in prigione per quattro mesi. Quando viene rilasciata, le persone che stanno in cima non la considerano più, e la sua nemesi/ex Renault (Peter Dinklage) è ancora determinato a vendicarsi. L’unica persona che vuole parlare con lei è l’ex assistente Claire (Kristen Bell).

Melissa McCarthy - The Boss film
Melissa McCarthy in una scena di The Boss, il film diretto dal marito Ben Falcone

Come sempre, McCarthy si getta nel ruolo, creando un personaggio vivo che indulge attraverso un sacco di stupidi slapstick. Come con Tammy, l’umorismo va maggiormente verso l’autoironia e l’autoumiliazione. McCarthy e Falcone impostano il film su quella comicità senza concertarsi molto sui personaggi o i potenziali temi che offerti dalla sceneggiatura scritta da loro.

E’ frustrante che nessuna di queste parti riesca a fondersi insieme. La commedia si sente invadente e disperata, il che significa che nessuna delle scene risulta lontanamente divertente. E l’ondata di sentimentalismo è dolorosamente banale, senza una buona profondità dei personaggi o relazioni significative. C’è un sacco di materiale in The Boss per fare una commedia solida, dalla performance di McCarthy ad alcuni temi risonanti sulla criminalità dei colletti bianchi o l’avidità capitalistica, che però non vengono trattati. McCarthy e Falcone si concentrano su tutt’altro, confermando che hanno bisogno di un regista dallo spessore differente per portare le loro storie sul grande schermo.

Il Verdetto su The Boss

Voto - 2

2

Non è divertente!

The Boss è una commedia invadente e disperata, e nessuna delle scene risulta lontanamente divertente. C'erano diversi temi interessanti della sceneggiatura da poter trattare ma il regista si è concentrato su altro.

User Rating: Be the first one !

Ale Wonder

Salve a tutti, mi chiamo Alessandro Aru e sono il fondatore/CEO di questo web magazine.

Mi occupo di digital marketing, web-social & music, seo & music manager. Sono appassionato di cinema, buon cibo, storia, natura, Fiorentina ed arte in generale.

Sono critico ma razionale. ;D un saluto…Ale!

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close